Il vascello verde ramarro di Pigiama Party

Benvenuto a casa nostra! Questo forum è un luogo
dove si respira aria di amicizia, di sensibilità, di ironia, di cultura .
Se pensi sia il luogo giusto per te, iscriviti e sarai un
nostro nuovo amico..



Il vascello verde ramarro di Pigiama Party


 
IndiceCalendarioFAQCercaGruppiRegistratiAccedi

Condividi | 
 

 AREA

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Enim
MM
MM
avatar

Maschio Messaggi : 1143
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 58
Località : prov. di Napoli
Umore Umore : ..............

MessaggioTitolo: AREA   Mar Feb 09, 2010 4:05 pm

cercando tra i file, ho ritrovato gli appunti per un post che avevo già inserito nel forum pigiama party....
Lo ripropongo anche quì poichè, a mio avviso, gli AREA, come anche altri..., sono la dimostrazione che i musicisti, la musica, il rock (csd. progressivo) italiani degli anni 70', non erano secondi a nessuno nel mondo!

Luglio, agosto, settembre (nero) è il titolo della prima traccia del primo album degli Area, Arbeit Macht Frei, del 1973.
Questo pezzo è unico nel suo genere, la musica derava da una canzone popolare della macedonia greca, il testo tratta del dramma del popolo palestinese ed è caratterizzato da una magistrale interpretazione del compianto Demetrio Stratos.
Lo stesso Demetrio Stratos in un intervista spiegava: "Il contenuto politico secondo me c'è anche senza che io dica: ‘Noi facciamo un pezzo per i compagni palestinesi...’. In radio non ci hanno mai trasmessi, chiaramente tutti avevano dei blocchi morali, si scandalizzavano perché abbiamo fatto un pezzo che si chiamava ‘Settembre Nero’."
Il brano si apre con la registrazione di un accorato appello, in lingua araba, rivolto da una ragazza palestinese al proprio amato, di abbandonare le armi e la rabbia per vivere con lei un'esistenza d'amore in una rassicurante atmosfera di pace. Per la verità il testo è in dialetto egiziano ed in effetti alla fine della parte in arabo la ragazza indica come autrice del testo "masriyya" che vuol dire letteralmente "una egiziana".

Una radio per te