Il vascello verde ramarro di Pigiama Party

Benvenuto a casa nostra! Questo forum è un luogo
dove si respira aria di amicizia, di sensibilità, di ironia, di cultura .
Se pensi sia il luogo giusto per te, iscriviti e sarai un
nostro nuovo amico..



Il vascello verde ramarro di Pigiama Party


 
IndiceCalendarioFAQCercaGruppiRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
soleazzurro
Moderatore
Moderatore
avatar

Maschile Messaggi : 1448
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 69
Località : napoli
Umore Umore : direi non male....

MessaggioTitolo: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Mar Mar 02, 2010 9:31 pm

Ama il tuo nemico di John Carlin

Uscito dal carcere, dopo ben ventitré anni, Nelson Mandela ha ancora di fronte a sé il nemico contro cui ha speso tutta la vita: l'apartheid.
Nel 1994 si tengono le prime elezioni a suffragio universale del Sudafrica, e Mandela trionfa.
Ma se il Sudafrica è fatto, restano da fare i sudafricani.
Cosi il genio politico del prigioniero n° 46664 si inventa la più audace e improbabile delle scommesse: usare il rugby, lo sport dei bianchi, per unire una volta per tutte i sudafricani.
Mandela intuisce ciò che nessun altro è in grado di vedere: "Se non potete parlare alle loro menti, parlate ai loro cuori".
Così il Sudafrica ottiene l'organizzazione della coppa del mondo del 1995, e inizia il miracolo.
Gli Springboks collezionano vittorie, e il Paese intero si innamora. Il 24 giugno i giocatori scendono in campo per disputare la finale contro i temibili Ali Blacks, la squadra neozelandese considerata la più forte del mondo.
Mandela siede in tribuna, mentre sessantaduemila tifosi, per la maggior parte bianchi, lo acclamano. E al coro si uniscono davanti alla tivù i milioni di neri delle township.
Contro ogni pronostico quel giorno gli Springboks realizzano il punto decisivo e coronano il sogno del loro presidente: quarantadue milioni di sudafricani sono finalmente uniti dalla stessa passione.
==============================================================
Se non vi va di leggere il libro, non perdetevi il film uscito da pochi giorni con il titolo " Invictus"
Tornare in alto Andare in basso
juliet
Stordita d.o.c.
Stordita d.o.c.
avatar

Femminile Messaggi : 2143
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 56
Località : pr. di milano
Umore Umore : felino, vulcanico

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Mer Mar 03, 2010 12:03 am

uniti si sole, ma nello sport ke è già qualcosa..........ma anke se non ci sono più fontanelle, scuole, cinema x soli bianki....c è ancora un abisso tra neri e bianki, annullato solo sulla carta
Tornare in alto Andare in basso
algiuga

avatar

Maschile Messaggi : 2566
Data d'iscrizione : 23.01.10
Età : 66
Località : Minturno
Umore Umore : gentile

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Mer Mar 03, 2010 8:12 am

l'apartheid dovrebbe essere il contrario della integrazione e si dovrebbe combattere appunto con l'integrazione.Che è lunga e difficile.

apartheid è anche quella di quando noi avevamo nelle notre scuole classi maschili e classi femminili (mi sembra fino agli anni 60).'apartheid sono i quartieri etnici ,è il razzismo !

l'ìntegrazione è nelle mani delle donne è nei matrimoni misti.
Tornare in alto Andare in basso
soleazzurro
Moderatore
Moderatore
avatar

Maschile Messaggi : 1448
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 69
Località : napoli
Umore Umore : direi non male....

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Mer Mar 03, 2010 8:23 am

Jul ., ora è una Nazione con tanti problemi ancora ma con lo spirito della Nazione e Mandela ha dato un grande insegnamento : una Nazione deve unire le varie componenti trovando punti in comune sapendo rinunziare o mettere in discussione tutto ciò che divide ed isolando i seminatori di odio.
Tornare in alto Andare in basso
juliet
Stordita d.o.c.
Stordita d.o.c.
avatar

Femminile Messaggi : 2143
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 56
Località : pr. di milano
Umore Umore : felino, vulcanico

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Mer Mar 03, 2010 9:29 am

mandela come king, si sole con lo spirito di una nazione. ma tu la kiami veramente nazione quella ke kiama la maggioranza dei suoi cittadini...sporki negri? quella dove a parità di reato il nero prende più anni? e via dicendo....no x me è una pseudo nazione dove l integrazione è solo una parola....e forse fra molto tempo si potrà dire ke.......i have a dream....ora non è più un sogno, ma i bambini neri terranno x mano quelli bianki xkè avranno imparato ke non il colore della pelle a fare la differenza.
Tornare in alto Andare in basso
hermes



Maschile Messaggi : 1033
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 53
Località : romano abusivo
Umore Umore : al vaglio

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Mer Mar 03, 2010 9:40 am

scusa jul, aldila' del razzismo "pratico" che ahimè esiste certamente ancora in s. a., ci sono ancora leggi che puniscono di piu' il nero rispetto al bianco?
Tornare in alto Andare in basso
juliet
Stordita d.o.c.
Stordita d.o.c.
avatar

Femminile Messaggi : 2143
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 56
Località : pr. di milano
Umore Umore : felino, vulcanico

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Mer Mar 03, 2010 11:41 am

no her, ma un conto è quello ke c è scritto sulla carta e un conto quello ke è la realtà.
se però stiamo a quello ke dice la legge, allora hai ragione in sudafrica sono tutti uguali, poco importa se i bianki ke sono una minoranza rispetto ai neri, occupano più posti di prestigio in tutti i settori rispetto agli altri, se ci sono meno disoccuputi, hanno un salario più alto ecc.
mandela ha fatto molto, è stato un grande....ma non ci credo ke bianki e neri all atto pratico sono sullo stesso piano, x me l apartheid è finito ma solo a parole, a fatti c è ancora moltissima strada da fare.
Tornare in alto Andare in basso
algiuga

avatar

Maschile Messaggi : 2566
Data d'iscrizione : 23.01.10
Età : 66
Località : Minturno
Umore Umore : gentile

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Mer Mar 03, 2010 12:29 pm

Il razzismo "pratico" ,come dice Her, esiste dappertutto ed è più subdolo da superare e forse fa anche più male.Non basta fare leggi uguali per tutti,indipendentemente dal colore della pelle,dalla etnia,dalle diversità.

Anche nell'ipotesi fantascientifica ,che proponevo in un altro post ,di un mondo di tutti uguali per razza,religione,benessere....il razzismo "pratico"ci sarà.

Ci sarà il razzismo tra giovani e vecchi,tra uomini e donne,tra belli e brutti.....o quello non è razzismo?
Tornare in alto Andare in basso
hermes



Maschile Messaggi : 1033
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 53
Località : romano abusivo
Umore Umore : al vaglio

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Mer Mar 03, 2010 3:47 pm

primo, non è colpa mia se sono bello, pensa che non metto la mia immagine nell'avatar per non monopolizzare l'attenzione; quindi non puoi definirmi razzista.
la mia domanda era riferita alla frase di jul dove dice che a parita' di reato il bianco subisce una condanna piu' lieve.
poi penso che è vero che il razzismo c'entri con i posti di potere, ma, senza ipocrisia, è anche vero che mettere a gestire gente non abituata a farlo non faccia bene a nessuno, credo, e spero, che i neri, una volta acquisita la giusta mentalita' distorta da secoli di "cattivita'" possano occupare i posti che spettano, ma che non è detto che quel tempo sia giunto.
Tornare in alto Andare in basso
algiuga

avatar

Maschile Messaggi : 2566
Data d'iscrizione : 23.01.10
Età : 66
Località : Minturno
Umore Umore : gentile

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Mer Mar 03, 2010 3:59 pm

hermes ha scritto:
scusa jul, aldila' del razzismo "pratico" che ahimè esiste certamente ancora in s. a., ci sono ancora leggi che puniscono di piu' il nero rispetto al bianco?

Bè a capire che rispondevi a Jul c'ero arrivato
Tornare in alto Andare in basso
algiuga

avatar

Maschile Messaggi : 2566
Data d'iscrizione : 23.01.10
Età : 66
Località : Minturno
Umore Umore : gentile

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Mer Mar 03, 2010 4:02 pm

Citazione :
primo, non è colpa mia se sono bello, pensa che non metto la mia immagine nell'avatar per non monopolizzare l'attenzione; quindi non puoi definirmi razzista.

Qui invece non capisco se mi dici che ti ho definito razzista
Tornare in alto Andare in basso
hermes



Maschile Messaggi : 1033
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 53
Località : romano abusivo
Umore Umore : al vaglio

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Mer Mar 03, 2010 5:44 pm

sul bello, sigh! scherzavo. o no?
sulla paritarieta' delle condanne chiedevo a jul perchè non riesco a capire cosa intenda.

... quella dove a parità di reato il nero prende più anni?

...un conto è quello ke c è scritto sulla carta e un conto quello ke è la realtà.

era solo per un mero aspetto "tecnico"
Tornare in alto Andare in basso
algiuga

avatar

Maschile Messaggi : 2566
Data d'iscrizione : 23.01.10
Età : 66
Località : Minturno
Umore Umore : gentile

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Mer Mar 03, 2010 9:33 pm

C'è una certa differenza tra M.L.King e N.Mandela
Tornare in alto Andare in basso
juliet
Stordita d.o.c.
Stordita d.o.c.
avatar

Femminile Messaggi : 2143
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 56
Località : pr. di milano
Umore Umore : felino, vulcanico

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 12:21 am

Citazione :
primo, non è colpa mia se sono bello, pensa che non metto la mia immagine nell'avatar per non monopolizzare l'attenzione; quindi non puoi definirmi razzista.
w la modestia her....modesti si nasce....e tu lo "nacquesti" immagino
Citazione :


è anche vero che mettere a gestire gente non abituata a farlo non faccia bene a nessuno, credo, e spero, che i neri, una volta acquisita la giusta mentalita' distorta da secoli di "cattivita'" possano occupare i posti che spettano,

certo, sono d accordo con te ma x bisogna permettere loro di acquisire la giusta mentalità, cosa ke ai bianki da un po fastidio...

Citazione :
... quella dove a parità di reato il nero prende più anni?

poco tempo fa vidi in televisione un servizio ke parlava di un processo in sudafrica dove erano coivolti poliziotti neri e bianki, avevano preso una mazzetta x coprire un omicida bianco....bene i poliziotti neri sono stati condannati a dieci anni di carcere mentre quelli bianki a sette.
eppure avevano intascato tutti la stessa cifra e la mente del gruppetto era bianco.
Citazione :
...un conto è quello ke c è scritto sulla carta e un conto quello ke è la realtà.

in quel reportage poi sono stati mostrate delle attività commerciali in cui c erano cartelli ke dicevano ke i neri non erano graditi....certo non c era scritto vietato l ingresso ai neri.....

Citazione :
ma che non è detto che quel tempo sia giunto.
credo di aver detto la stessa cosa a conclusione del mio post
Tornare in alto Andare in basso
juliet
Stordita d.o.c.
Stordita d.o.c.
avatar

Femminile Messaggi : 2143
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 56
Località : pr. di milano
Umore Umore : felino, vulcanico

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 12:22 am

Citazione :
C'è una certa differenza tra M.L.King e N.Mandela


qual è questa differenza, al?
Tornare in alto Andare in basso
hermes



Maschile Messaggi : 1033
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 53
Località : romano abusivo
Umore Umore : al vaglio

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 12:28 am

francamente non pensavo che ancora oggi, almeno per legge, vi fossero ancora delle distinzioni raziali.
mi chiedo allora, il mitico Nelson Mandela è uno strumento in mano a pochi?
e quei pochi stanno pure dalla parte opposta?
è vero che i bianchi non sono disposti a mollare, lo ritengo pure ovvio che non lo vogliano fare, ma hanno gia' mollato parecchio jul, è un po' chiudere la stalla dopo che sono scappati i buoi.
Tornare in alto Andare in basso
hermes



Maschile Messaggi : 1033
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 53
Località : romano abusivo
Umore Umore : al vaglio

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 12:32 am

si, lo avevi detto anche tu che c'è ancora molta strada da percorrere, pardon.

certo che sono bello, non ricordi il mio recente avatar che qualche maligno aveva pensato che quello non ero io ma costantino nonmiricordocome??
Tornare in alto Andare in basso
juliet
Stordita d.o.c.
Stordita d.o.c.
avatar

Femminile Messaggi : 2143
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 56
Località : pr. di milano
Umore Umore : felino, vulcanico

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 12:39 am

vitaliano....un cesso, tutto sommato se devo essere sincera ti preferisco con la minigonna e la barba incolta....ke tutto impomatato come se ti avesse leccato una mucca e glabro come il culetto di un bebè
Tornare in alto Andare in basso
hermes



Maschile Messaggi : 1033
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 53
Località : romano abusivo
Umore Umore : al vaglio

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 12:45 am

devo ritenere che tu fossi fra i maligni malpensanti?
Tornare in alto Andare in basso
juliet
Stordita d.o.c.
Stordita d.o.c.
avatar

Femminile Messaggi : 2143
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 56
Località : pr. di milano
Umore Umore : felino, vulcanico

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 12:51 am

Citazione :
francamente non pensavo che ancora oggi, almeno per legge, vi fossero ancora delle distinzioni raziali.
infatti her, x la legge non c è, è x gli uomini ke c è, infatti, seti riferisci ai cartelli.....loro non vietano l ingresso ai neri, gli dicono kiaramente ke non sono graditi e basta.
quanto al processo.....il giudice e sei giurati su dieci erano bianki...

mandela è ha dedicato la vita x l abolizione dell apartheid, ma è un abolizione di facciata purtroppo, e lui i miracoli non li sa fare
Tornare in alto Andare in basso
juliet
Stordita d.o.c.
Stordita d.o.c.
avatar

Femminile Messaggi : 2143
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 56
Località : pr. di milano
Umore Umore : felino, vulcanico

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 12:52 am

Citazione :
devo ritenere che tu fossi fra i maligni malpensanti?
xkè scusa mi dovresti ritenere così?
Tornare in alto Andare in basso
hermes



Maschile Messaggi : 1033
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 53
Località : romano abusivo
Umore Umore : al vaglio

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 12:58 am

sara' puerile, ma ho cominciato a conoscere l'anc con i romanzi di w. smith, dipingeva un romantico Nelson Mandela che successivamente ho un poco approfondito e ammirato, alcuni anni fa a Roma gli feci da tutela e la cosa, a differenza di altri capi di stato, mi inorgogli'.
onestamente spero che tu ti stia sbagliando.
per Mandela, per la sua gente, per noi tutti.
Tornare in alto Andare in basso
hermes



Maschile Messaggi : 1033
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 53
Località : romano abusivo
Umore Umore : al vaglio

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 1:00 am

perche' tu, dana e maga avete insinuato che quello non ero io.
e a me non piace che mi si dia del bugiardo, specialmente quando imbroglio.
Tornare in alto Andare in basso
juliet
Stordita d.o.c.
Stordita d.o.c.
avatar

Femminile Messaggi : 2143
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 56
Località : pr. di milano
Umore Umore : felino, vulcanico

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 1:04 am

sei sicuro ke abbia insinuato ke non fossi tu? nemmeno mi ero resa conto ke potessi assomigliare a tale costantino.....ti ripeto ke io ritengo un cesso.
Tornare in alto Andare in basso
hermes



Maschile Messaggi : 1033
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 53
Località : romano abusivo
Umore Umore : al vaglio

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 1:07 am

immagino pupa.
Tornare in alto Andare in basso
juliet
Stordita d.o.c.
Stordita d.o.c.
avatar

Femminile Messaggi : 2143
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 56
Località : pr. di milano
Umore Umore : felino, vulcanico

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 1:15 am

Citazione :
sara' puerile, ma ho cominciato a conoscere l'anc con i romanzi di w. smith, dipingeva un romantico Nelson Mandela che successivamente ho un poco approfondito e ammirato, alcuni anni fa a Roma gli feci da tutela e la cosa, a differenza di altri capi di stato, mi inorgogli'.
onestamente spero che tu ti stia sbagliando.
per Mandela, per la sua gente, per noi tutti.

non amo smith come scrittore quindi non ho conosciuto l anc, sicuramente bene quanto tu hai fatto attraverso i suoi lavori....però so quello ke ho visto in quel servizio.
mandela è stato, è, e sempre sarà un Grande Uomo, ke molto ha insegnato a tutti, l ammirazione nei suoi confronti è d obbligo x quello ke ha fatto, x quello in cui ha creduto e lottato in modo non violento e con l unica arma della sua voce.
fai bene ad esserne orgoglioso, io stessa lo sarei se solo avessi la possibilità di dirgli buongiorno.....ma come ti ho detto non ha potuto fare miracoli, non può con un colpo di bakketta andare contro agli interessi di poki....sopratutto quando questi interessi sono il potere, e il denaro
Tornare in alto Andare in basso
juliet
Stordita d.o.c.
Stordita d.o.c.
avatar

Femminile Messaggi : 2143
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 56
Località : pr. di milano
Umore Umore : felino, vulcanico

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 1:18 am

mancava il bulletto sul vascello...meno male ke ci hai messo rimedio tu...
Tornare in alto Andare in basso
hermes



Maschile Messaggi : 1033
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 53
Località : romano abusivo
Umore Umore : al vaglio

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 1:32 am

una volta lo leggevo, mi piacevano i suoi romanzi, il suo modo di far vedere la vita dell'africa e i suoi luoghi, era pero' un po troppo smielato, sempre o quasi sempre la storia da'more a reggere la colonna del romanzo.
sinceramente ho smesso di leggerlo così, senza motivo.
per quanto riguarda l'anc, ammetto che prima non ne conoscevo nemmeno l'esistenza, e di qyuesto gli devo dare merito, ma ovviamente lo ha affrontato marginalmente, se ricordo bene in un romanzo dove descriveva la vita dei minatori delle miniere di diamanti.
Tornare in alto Andare in basso
juliet
Stordita d.o.c.
Stordita d.o.c.
avatar

Femminile Messaggi : 2143
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 56
Località : pr. di milano
Umore Umore : felino, vulcanico

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 1:38 am

forse il suo modo smielato....ha contribuito a rendere le cose meno dure, ma allo stesso tempo a far conoscere quelle realtà, seppur marginalmente a molti
Tornare in alto Andare in basso
algiuga

avatar

Maschile Messaggi : 2566
Data d'iscrizione : 23.01.10
Età : 66
Località : Minturno
Umore Umore : gentile

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 8:08 am

Scusa Jul .....Volevi la differenza?

Mandela non ha fatto tutto da solo......dimentichi che ha agito in un contesto in cui il Sudafrica era isolato e discriminato da tutto il resto del mondo...ha il merito di non aver preso il potere con la rivoluzione.

Cmq hai ragione,l'aphartheid è finita formalmente ma in pratica deve passare ancora tempo.Adesso i neri del sudafrica si trovano in un contesto che è simile a quello in cui operò M.L.King ,che è stato assassinato,ma se oggi Obama è lì lo si deve anche a King.

Il Sudafrica ha si un presidente nero,che ha il vantaggio di una popolazione nera che è maggioranza ma sa bene che le diseguaglianze sociali si cominciano a formare anche tra la popolazione nera ed è questo il problema che lui ormai non ha più energia o capacità
per affrontarlo ,ci vogliono altri...ci vorrebbe un ML.King
Tornare in alto Andare in basso
hermes



Maschile Messaggi : 1033
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 53
Località : romano abusivo
Umore Umore : al vaglio

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 8:39 am

si al. propabilmente N. M. ah esaurito l'energia. io temo pero' che alla dipartita politica di Mandela rischieremo il caos. e forse rimpiangeremo il pre Mandela. non vorrei, con la dovuta differenza fra i personaggi, che ci trovassimo come in iraq. non dimentichiamo che in s. a.ci sono grossi interessi.
Tornare in alto Andare in basso
algiuga

avatar

Maschile Messaggi : 2566
Data d'iscrizione : 23.01.10
Età : 66
Località : Minturno
Umore Umore : gentile

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 8:51 am

Verissimo Her,credo anch'io ci sia il rischio di un Iraq e aggiungo che quel che sta accadendo in Iran fa presagire anche lì una lotta tra fratelli.(magari di etnie diverse,ma pur sempre fratelli.)
Tornare in alto Andare in basso
juliet
Stordita d.o.c.
Stordita d.o.c.
avatar

Femminile Messaggi : 2143
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 56
Località : pr. di milano
Umore Umore : felino, vulcanico

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 10:51 am

Citazione :
Mandela non ha fatto tutto da solo......dimentichi che ha agito in un contesto in cui il Sudafrica era isolato e discriminato da tutto il resto del mondo...

al,scusa non capisco questo passaggio....

Citazione :
ha il merito di non aver preso il potere con la rivoluzione.


nemmeno king ha f atto la rivoluzione, come non l ha fatta ganghi......hanno vinto combattendo con l arma della non violenza.
Tornare in alto Andare in basso
algiuga

avatar

Maschile Messaggi : 2566
Data d'iscrizione : 23.01.10
Età : 66
Località : Minturno
Umore Umore : gentile

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 11:27 am

juliet ha scritto:
Citazione :
C'è una certa differenza tra M.L.King e N.Mandela


qual è questa differenza, al?

Jul rispondevo alla tua domanda dicendo che M.è stato favorito ed ha avuto il supporto di tutto il mondo nel combattere l'apartheid.Mentre K.ha dovuto combattere dall'interno,senza l'aiuto di stati e nazioni fuori dagli usa,K.ha dovuto combattere contro un'apartheid non formale ,ma sostanziale.


Citazione :
nemmeno king ha f atto la rivoluzione, come non l ha fatta ganghi......hanno vinto combattendo con l arma della non violenza.

Certo , si sa
Tornare in alto Andare in basso
juliet
Stordita d.o.c.
Stordita d.o.c.
avatar

Femminile Messaggi : 2143
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 56
Località : pr. di milano
Umore Umore : felino, vulcanico

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 12:10 pm

al, io da buona fetentona mi kiedo se.....
Citazione :
M.è stato favorito ed ha avuto il supporto di tutto il mondo nel combattere l'apartheid.
sia stato fatto solo x il rispetto dei diritti dei neri......oppure questo supporto nascondeva interessi ke nulla hanno a ke fare con la voglia di uguaglianza e come dice her....
Citazione :
mi chiedo allora, il mitico Nelson Mandela è uno strumento in mano a pochi?
e quei pochi stanno pure dalla parte opposta?
ma non mandela però.....ma tutto il supporto, ma una grossa parte.

mentre negli usa questo non succedeva
Tornare in alto Andare in basso
juliet
Stordita d.o.c.
Stordita d.o.c.
avatar

Femminile Messaggi : 2143
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 56
Località : pr. di milano
Umore Umore : felino, vulcanico

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 12:34 pm

al, perdona la mia stolteria...ma così sono.

Citazione :
ha dovuto combattere contro un'apartheid non formale ,ma sostanziale.

ke vuol dire?
Tornare in alto Andare in basso
algiuga

avatar

Maschile Messaggi : 2566
Data d'iscrizione : 23.01.10
Età : 66
Località : Minturno
Umore Umore : gentile

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 2:01 pm

Jul mi sembra che talvolta fai come il detto.....

fare il fesso per non andare in guerra

Vuol dire che negli Usa non c'erano leggi razziali che emarginavano i neri,formalmente avevano gli stessi diritti dei bianchi,in pratica erano emarginati.

E' un pò quell che avviene in italia del nord dove formalmente i meridionali hanno gli stessi diritti,ma in pratica sono discriminati.
Tornare in alto Andare in basso
algiuga

avatar

Maschile Messaggi : 2566
Data d'iscrizione : 23.01.10
Età : 66
Località : Minturno
Umore Umore : gentile

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 2:32 pm

Citazione :
Ma se il Sudafrica è fatto, restano da fare i sudafricani.


Mi sa che qualcuno,qualche anno prima disse :

L'Italia è fatta,ora bisogna fare gli italiani
Tornare in alto Andare in basso
soleazzurro
Moderatore
Moderatore
avatar

Maschile Messaggi : 1448
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 69
Località : napoli
Umore Umore : direi non male....

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 2:58 pm

Certamente la strada è ancora lunga ed i problemi tanti...ma il Sudafica è ben avviato

SUDAFRICA

Le estese pianure del Veld, la vita frenetica nelle città e il maestoso paesaggio dei Monti dei Draghi: sono tutte immagini peculiari del Sudafrica, un vasto Paese che occupa la punta meridionale dell’Africa.

Città del Capo, protetta dal Monte Table, rappresenta il più antico insediamento del Paese. I coloni olandesi vi giunsero nel 1652 e vi incontrarono numerose tribù di razza nera, come i KhoiKhoin (Ottentotti). Le vicende storiche del Sudafrica, spesso drammatiche e sempre molto complesse, riunirono tra loro un’insolita varietà di popoli e culture, e crearono una società carat­terizzata da un enorme potenziale per uno sviluppo e una prosperità futuri. Tuttavia, alla fine degli anni Quaranta, quando venne istituito il regime di segregazione razziale conosciuto come apartheid, il Sudafrica godette improvvisamente di una triste notorietà e ricevette un’unanime condanna internazionale.

Il Paese si estende su una superficie complessiva di 1.224.000 chilometri quadrati, all’incirca il 4% dell’intera area del continente africano. La sua punta più meridionale, Capo Agulhas, rappresenta il punto in cui l’oceano Atlantico incontra quello Indiano.

Nella parte settentrionale, il Sudafrica confina con Mozambico, Botswana e Namibia. Il territorio comprende due enclavi: a est, sul confine con il Mozambico, si trova il piccolo Regno dello Swaziland, che però non è totalmente inserito nell’area sudafricana; lo è invece l’altra enclave, il minuscolo Regno del Lesotho, che non confina infatti con nessun altro stato. Il Paese è formato da 4 province: la regione del Capo, il Natal, l’Orange e il Transvaal.

Il Sudafrica produce all’incirca il 50% dei minerali di tutto il continente africano, il 40% dei suoi manufatti e il 20% dei prodotti agricoli, così come genera più della metà dell’energia elettrica del continente. La grande ricchezza economica del Paese ha sempre attratto lavoratori emigranti dai Paesi limitrofi, come Lesotho, Mozambico e Zambia, ma il Sudafrica ha anche utilizzato la propria forza militare per intervenire negli affari degli stati limitrofi. Molti di questi Paesi, spesso definiti come “stati di prima linea”, hanno spinto le nazioni industrializzate più importanti a imporre pesanti sanzioni economiche e altre penalizzazioni al Sudafrica, come forma di protesta contro la politica dell’apartheid. Secondo il regime di segregazione razziale, i gruppi di razza bianca, che parlano afrikaans e inglese (all’incirca il 15% della popolazione complessiva) detengono il potere politico sulla popolazione nera (circa il 73%), la cui rappresentanza politica è minima se non addirittura completamente assente.

Negli anni Settanta, il governo sudafricano iniziò a creare 10 bantustans (“patrie bantu”), una sorta di stati riserva che raccolgono le varie etnie bantu. Alla fine degli anni Ottanta iniziò comunque un movimento riformista che ha portato, in tempi recentissimi, alla fine del regime di apartheid, tristemente considerato caratteristica peculiare della Repubblica Sudafricana.


Il Sudafrica oggi



La Repubblica del Sudafrica rappresenta una nazione in transizione, una società divisa che si sta allontanando dalle rigide certezze dell’apartheid per fondare un nuovo regime che accontenti i vari ceppi etnici. Sotto il regime dell’apartheid, spesso definito come sviluppo separato, il governo riconosceva quattro principali gruppi etnici: bianchi, neri (divisi a loro volta in numerosi gruppi tribali), coloureds (gruppi a sangue misto) e asiatici. per lo più di origini indiane. Ognuno di questi gruppi principali gode di uno status sociale differente, e regole ben precise stabiliscono dove ognuno deve vivere e lavorare.

Secondo una nuova Costituzione promulgata nel 1984, la legislatura del Paese si è ampliata fino a comprendere tre Camere: una per la popolazione bianca, una per i gruppi di co1oureds e una terza per gli asiatici. L’adozione della Costituzione provocò disordini tra i gruppi neri, e fino al 1989 sembrava impossibile che la maggioranza nera riuscisse a ottenere il diritto di voto. Tuttavia, nel 1990, il governo garantì la legalità a molte organizzazioni nazionaliste nere, che un tempo erano state bandite, come l’African National Congress (ANC), e hanno aperto i negoziati con numerosi leader neri, quali Nelson Mandela



L’Assemblea Nazionale è composta da 178 membri bianchi eletti dai gruppi bianchi che godono del diritto di voto. La Camera dei Rappresentanti è formata da 85 membri coloured eletti da votanti meticci, mentre la Camera dei delegati è rappresentata da 45 membri asiatici eletti da votanti asiatici. Tutti i membri ottengono mandati per un massimo di 5 anni. Ogni Camera tratta gli affari riguardanti il proprio gruppo etnico, come l’assistenza nazionale, come le decisioni di imporre nuove tasse. Se qualsiasi materia di questo genere causa divergenze d’opinione tra le Camere del Parlamento interviene il Consiglio del Presidente, un’organizzazione multirazziale formata da 60 membri eletti da tutte le tre Camere: 20 bianchi, 10 coloureds e 5 asiatici, più 25 altri nominati dal presidente dello stato.

Il presidente è a capo del governo del Sudafrica. Dal 1948, il presidente del Sudafrica è sempre il leader del Partito Nazionale, il partito politico che ha introdotto l’apartheid. Fino agli anni Ottanta, il partito ha goduto del sostegno di molti Afrikaner così come della sostanziale maggioranza dell’Assemblea Nazionale. Il crescente impegno per riformare l’apartheid condusse per contro a un sempre maggiore consenso in favore del Partito Conservatore, un’organizzazione impegnata nell’accrescere il dominio dei bianchi. L’altro principale partito di opposizione, il Partito Federalista Progressivo, combatte per l’eliminazione dell’apartheid.

L’amministrazione dei 10 bantustans delle varie tribù si poggia ufficialmente sui leader della comunità tribale nera che sono eletti in rappresentanza della suddetta comunità. I1 concetto che ogni abitante nero appartenga a uno di questi bantustans fornì la giustificazione per il forzato spostamento di neri abitanti nelle città allontanati da zone e periferie destinate solamente a bianchi.

Il primo bantustan, Transkei, ottenne l’indipendenza nel 1976, seguito poco dopo dal Bophuthatswana (1977), Venda (1979) e Ciskei (1981). Sebbene molte leggi che limitavano gli spostamenti e gli insediamenti di neri, come la tristemente famosa pass law, siano state abrogate, sono ancora in vigore altre restrizioni. Nonostante questa situazione, il numero di dirigenti neri, coloureds e asiatici che hanno ricevuto un’ottima educazione e hanno avuto successo nel mondo del lavoro è in costante aumento. Questa nuova borghesia ha favorito uno standard di vita più simile all’Occidente, e la sua presenza all’interno del mondo affaristico dei bianchi, che utilizzano per lo più la lingua inglese, ha contribuito all’accettazione degli altri gruppi all’interno della società come un tutt’uno armonico.

Le lingue parlate in Sudafrica riflettono questa congerie di varie culture. Le lingue ufficiali del Paese sono l’inglese e l’afrikaans, una derivazione del dialetto olandese utilizzato dai primi coloni. In ogni caso, i neri parlano un gran numero di lingue bantu: ad esempio. le tribù Xhosa, Zulu. Swazi e San utilizzano un proprio idioma. Molti asiatici parlano invece dialetti tamil, hindi e gujarati.

L’istruzione è obbligatoria per i giovani di razza bianca compresi tra i 7 e i 16 anni, che possono frequentare scuole comunali o gestite dallo stato.

I bambini coloured e asiatici sono costretti a frequentare una scuola solo se questa si trova nei pressi delle loro abitazioni. Molti giovani di razza nera frequentano la scuola elementare ma dopo 4 o 5 anni la abbandonano. Le strutture scolastiche e l’assistenza sanitaria per le genti nere rimangono a un livello inferiore rispetto a quelle per i bianchi, rappresentando così ancora settori che necessitano di notevoli riforme. Dalla metà degli anni Ottanta gli studenti di tutte le razze possono frequentare qualsiasi università che sia disposta ad accettarli.


Nel 1996 una nuova costituzione è stata promulgata in Sudafrica. Ha cominciato a andare in vigore all’inizio del 1997 ed ha continuato, in passi successivi, fino al 1999.

La costituzione è una delle più avanzate del mondo dal punto di vista dei diritti umani; proibisce ogni discriminazione basata sulla razza, sesso, gravidanza, stato civile, origine etnica o sociale, colore, orientamento sessuale, età, condizioni di handicap, religione, cultura, lingua, o nascita.

Il presidente del Sudafrica è eletto dalla maggioranza del Parlamento, ed egli stesso designa un vice-presidente. Con la nuova costituzione la Assemblea Nazionale e quello che era il Senato fanno ancora parte del Parlamento, mentre l’attuale Senato è diventato il Consiglio Nazionale delle Province, con 60 membri permanenti. La Assemblea Nazionale ha tra 350 e 400 membri. Nel Sudafrica le più alte corti di giustizia sono la Divisione di Appello della Corte Suprema (la corte più alta di giustizia penale) e la Corte Costituzionale. Ci sono nove Assemblee provinciali, ciascuna capeggiata da un premier. I maggiori partiti politici del Sudafrica sono l’ African National Congress (ANC), il Partito Nazionale, l’ Inkatha Freedom Party, il Pan-Africanist Congress, il partito Comunista Sudafricano, il Partito Conservatore e il partito Democratico.


La storia


I primi esseri umani che abitarono il Sudafrica appartenevano ai ceppi etnici San (o Boscimani) e KhoiKhoin (o Ottentotti). Questi popoli nomadi vagarono percorrendo gran parte del Sudafrica fino all’arrivo delle popolazioni nere di lingua bantu dalla parte nord-orientale, all’incirca nel 300 dc., che li respinsero nell’area che corrisponde attualmente alla provincia sud-occidentale del Capo e alla Namibia. I gruppi di lingua bantu si insediarono nel territorio e, sebbene culturalmente diversi, parlavano vari dialetti derivati da un unico idioma antico.

I primi Europei a raggiungere il Sudafrica furono i Portoghesi. Nel 1488, Bartholomeu Diaz (c. 1450-1500) avvistò il Capo delle Tempeste, successivamente ribattezzato Capo di Buona Speranza. Nove anni dopo, Vasco da Gama (c. 1469-1524) scoprì il Natal (il giorno di Natale del 1497) e, successivamente, raggiunse l’india. Fu solo nel 1652 che gli Olandesi fondarono un porto per le navi della Compagnia delle Indie Orientali olandesi nello stesso luogo dove poi sorse Città del Capo. Sotto Jan van Riebeeck gli Olandesi costruirono un forte e i contadini olandesi (boeren o Boeri) impiantarono grandi proprietà terriere con l’aiuto della manodopera degli schiavi neri. Entro il 1795, i coloni europei erano circa 20.000 su una popolazione tre volte maggiore. Nello stesso anno la Gran Bretagna occupò la provincia del Capo, in modo da sottrarla definitivamente agli interessi francesi: l’intera area, dopo essere ritornata nelle mani degli Olandesi, dal 1803 al 1814, divenne infine una colonia britannica.

I coloni olandesi contrastarono sempre più violentemente il governo britannico, in modo particolare dopo l’abolizione della schiavitù, nel 1834, che portò alla miseria un gran numero di agricoltori. Molti Boeri decisero di trovare nuovi territori da sfruttare verso l’interno del Paese e, nel 1836, si diressero verso nord a migliaia, dando vita a ciò che venne conosciuto come ‘Grande Trek’. In questo esodo massiccio i trekker boeri incontrarono tribù indigene tra cui i Matabele e in modo particolare gli Zulu, guidati dal terribile capo Dingaan, contro cui ingaggiarono la cruenta battaglia del Blood River, nel 1838. I Boeri si stanziarono nel Natal, e successivamente crearono lo Stato Libero di Orange e il Transvaal. La Gran Bretagna annesse il Natal nel 1843, ma nei 12 anni seguenti riconobbe gli altri due come stati indipendenti.



Le guerre boere


Nel 1870, la scoperta di giacimenti di diamanti a Kimberley convinse la Gran Bretagna a procedere all’annessione dell’area. Nel 1877, poi, l’occupazione britannica del Transvaal incrementò ulteriormente l’odio delle popolazioni boere. Nel 1879, il tentativo inglese di annientare il regno degli Zulu guidati da Cetewayo (1826-84) sfociò nella sconfitta di lsandhlwana, nel Natal. La ribellione zulu ispirò i Boeri del Transvaal a lottare per cacciare definitivamente gli inglesi, dando inizio nel 1880-81 alla Prima Guerra Boera.

Nel 1886 a Witwatersrand, vicino a Johannesburg, vennero scoperti giacimenti d’oro: questo fece sì che il premier britannico della Colonia del Capo, Cecil Rhodes (1853-1902) cercasse di annettersi gran parte del territorio. Nel 1895, un alleato di Rhodes, Leander Jameson, invase il Transvaal, ma questa operazione, conosciuta come Jameson Raid, venne annientata dai Boeri guidati da Paulus Kruger (1825-1904). Nel 1899, il Transvaal e lo Stato Libero dell’Orange dichiararono guerra alla Gran Bretagna, la Seconda Guerra Boera, che terminò con la vittoria inglese nel 1902. La Gran Bretagna garantì l’autogoverno a entrambi gli stati nel 1906-07, e nel 1910 tutte le quattro province formarono l’Unione del Sudafrica, promulgando una Costituzione che dava il dominio politico alla minoranza bianca. Nel corso della Prima Guerra Mondiale, il Sudafrica cercò di trovare potenze alleate e conquistò la colonia tedesca dell’Africa del Sud-Ovest, l’odierna Namibia, nel 1916. La Lega delle Nazioni diede al Sudafrica il pieno mandato sul territorio nel 1920.



Una società divisa



La Seconda Guerra Mondiale vide il Sudafrica di nuovo schierato con le potenze alleate e nel 1948 il Fronte Nazionale, il cui leader era Daniel F. Malan (1874-1959) e che rappresentava le ideologie nazionaliste degli Afrikaner, ottenne la maggioranza parlamentare e impose la propria dottrina dell’apartheid. Per oltre dieci anni, i gruppi di bianchi liberali e le organizzazioni nazionaliste africane, in particolare l’African National Congress (ANC), lottarono per eliminare l’imposizione dell’apartheid. Nel 1960, l’organizzazione nera del Part African Congress (PAC) organizzò azioni di protesta a livello nazionale contro le leggi che imponevano ai neri di portare sempre con sé documenti di identificazione. Nel paese di Sharpeville, vicino a Johannesburg, la polizia aprì il fuoco contro un gruppo di dimostranti, uccidendo 69 persone di colore; l’enorme risonanza a livello internazionale dell’episodio costrinse il Sudafrica a lasciare il Commonwealth nel 1961

Negli anni Settanta, il governo sviluppò la linea politica elaborata nel decennio precedente dal primo ministro Hendrik F. Verwoerd (1901-66) di creare numerosi bantustans per le tribù nere, spesso in aree povere e improduttive. Nel 1976-77, le proteste che vennero organizzate contro l’insegnamento dell’afrikaans nelle scuole frequentate da giovani di colore diffusero moti di malcontento e rabbia che portarono all’uccisione di 600 neri.

Nel 1984, la nuova Costituzione diede maggiore rappresentanza politica agli asiatici e ai coloureds, ma non ai neri: l’effetto più immediato di questa nuova situazione fu l’accentuarsi dell’antagonismo tra gruppi rivali di neri, antagonismo che sfociò in violente dimostrazioni nel Natal. Nel 1990, il rilascio di Nelson Mandela (n. 1918), leader dell’African National Congress,. dopo 27 anni di prigionia con l’accusa di tradimento, aumentò le possibilità di aprire negoziati di transizione verso una democrazia multirazziale. Sempre nel 1990, il Sudafrica garantì anche l’indipendenza della Namibia.


Nel 1990 il Primo Ministro F. W. de Klerk ha messo fine al bando dell'ANC e ha rilasciato il suo capo, Nelson Mandela. Alla fine, un accordo raggiunto tra il governo e l'ANC, nel 1993, ha impegnato ad istituire un Sudafrica democratico, antirazzista e unificato. Malgrado alcuni tumulti preelettorali, elezioni multirazziali sono state tenute nel 1994; Mandela ha vinto ed è stato insediato in carica come il primo presidente nero del paese. Verso la fine del 1996 Mandela ha promulgato una nuova costituzione Sudafricana.
Tornare in alto Andare in basso
hermes



Maschile Messaggi : 1033
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 53
Località : romano abusivo
Umore Umore : al vaglio

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 3:32 pm

grazie sole, bellissima sintesi sul sudafrica.
e la table mountain è la giusta immagine.
Tornare in alto Andare in basso
soleazzurro
Moderatore
Moderatore
avatar

Maschile Messaggi : 1448
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 69
Località : napoli
Umore Umore : direi non male....

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 3:43 pm

grazie a te e tutti gli amici per i quali è importante capire ed approfondire.
Tornare in alto Andare in basso
algiuga

avatar

Maschile Messaggi : 2566
Data d'iscrizione : 23.01.10
Età : 66
Località : Minturno
Umore Umore : gentile

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Gio Mar 04, 2010 5:15 pm

Anch'io ti sono grato ,Sole;per il come hai esposto e trattato questo topic con la misura e la serietà che ti distingue
Tornare in alto Andare in basso
juliet
Stordita d.o.c.
Stordita d.o.c.
avatar

Femminile Messaggi : 2143
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 56
Località : pr. di milano
Umore Umore : felino, vulcanico

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Ven Mar 05, 2010 3:53 am

Citazione :
Jul mi sembra che talvolta fai come il detto.....
fare il fesso per non andare in guerra


al, qui da me si dice fare lo scemo x non andare in guerra, ma se vuoi darmi della fessa x galanteria ok x me va bene lo stesso...e rigrazio di tanta premura.
ti ho fatto la domanda xkè non avevo realmente capito ke intedessi dire e siccome x carattere non tendo a fare la sborona, preferisco pormi da ignorante quale sono, piuttosto ke da pseudo sapientona evitando misere figure.....e già x il mio carattere impulsivo ne faccio a iosa......rispondendo rape x fave xkè non ho capito la domanda.
però mi sa ke qui siamo in due a non volere andare in guerra.
ke mi risulti sia king ke mandela hanno lottato x l abolizione dell aparheid xkè le condizioni in cui vivevano i neri nei due continenti erano esattamente la fotocopia l uno dell altro, x questo li ho accumunati.
Citazione :
Vuol dire che negli Usa non c'erano leggi razziali che emarginavano i neri,formalmente avevano gli stessi diritti dei bianchi,in pratica erano emarginati.

non c erano? forse non ricordi l episodio ke diede il via allo sciopero ke fecero gli afroamericani quando x un anno e mezzo non presero un mezzo pubblico, dato ke c erano posti separati x bianki e neri, e ke questi ultimi x legge erano obbligati ad alzarsi se saliva, un bianco e non c era, un sedile libero, dimentiki ke c erano scuole separate, ecc...allora se non era emarginazione ke cos era???

Citazione :
M.è stato favorito ed ha avuto il supporto di tutto il mondo nel combattere l'apartheid.

è stato sicuramente favorito ma solo x interessi economici.....le sue rikkezze erano un piatto ke a molti faceva gola.....e non x giustizia, infatti negli usa king non è stato supportato da altre nazioni xkè non c era nessun vantaggio a farlo.
Tornare in alto Andare in basso
juliet
Stordita d.o.c.
Stordita d.o.c.
avatar

Femminile Messaggi : 2143
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 56
Località : pr. di milano
Umore Umore : felino, vulcanico

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Ven Mar 05, 2010 4:12 am

grazie sole, il tuo post mi ha illustrato e riassunto in modo kiaro la situazione del sudafrica
Tornare in alto Andare in basso
algiuga

avatar

Maschile Messaggi : 2566
Data d'iscrizione : 23.01.10
Età : 66
Località : Minturno
Umore Umore : gentile

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Ven Mar 05, 2010 10:22 am

Citazione :
al, qui da me si dice fare lo scemo x non andare in guerra, ma se vuoi darmi della fessa x galanteria ok x me va bene lo stesso...e rigrazio di tanta premura.
ti ho fatto la domanda xkè non avevo realmente capito ke intedessi dire e siccome x carattere non tendo a fare la sborona, preferisco pormi da ignorante quale sono, piuttosto ke da pseudo sapientona evitando misere figure.....e già x il mio carattere impulsivo ne faccio a iosa......rispondendo rape x fave xkè non ho capito la domanda.
però mi sa ke qui siamo in due a non volere andare in guerra.
ke mi risulti sia king ke mandela hanno lottato x l abolizione dell aparheid xkè le condizioni in cui vivevano i neri nei due continenti erano esattamente la fotocopia l uno dell altro, x questo li ho accumunati.



Il problema è che io NON CREDO che Tu sia ignorante,stupida o poco intelligente,e mi indispettisce il fatto che ogni tanto dici di esserlo....perchè lo fai ?


Sborona?

fessa da me significa figa....fai tu......
Tornare in alto Andare in basso
Danae
Admin
Admin
avatar

Femminile Messaggi : 2134
Data d'iscrizione : 18.01.10
Età : 58
Località : Caserta
Umore Umore : tiepido

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Ven Mar 05, 2010 1:44 pm

Citazione :
Il problema è che io NON CREDO che Tu sia ignorante,stupida o poco intelligente,e mi indispettisce il fatto che ogni tanto dici di esserlo....perchè lo fai ?


Sborona?

fessa da me significa figa....fai tu......

questo me lo chiedo anche io....e condivido con Al che a volte...indispettisce anche me..

Citazione :
fessa da me significa figa....fai tu......
uè!!!! embè!!!!!!!!!


.



Chi ama per gioco se ne pentirà quando per gioco sarà amato (J.Morrison)



Si sbaglia sempre..Si sbaglia per rabbia, per amore, per gelosia..Si sbaglia per imparare.
Imparare a non ripetere mai certi sbagli. Si sbaglia per poter chiedere scusa, per poter ammettere di aver sbagliato. Si sbaglia per crescere e per maturare. Si sbaglia perchè non si è perfetti..(Bob Marley)



.






.
Tornare in alto Andare in basso
http://ilvascello.forumattivo.com
soleazzurro
Moderatore
Moderatore
avatar

Maschile Messaggi : 1448
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 69
Località : napoli
Umore Umore : direi non male....

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Ven Mar 05, 2010 3:22 pm

Tornare in alto Andare in basso
juliet
Stordita d.o.c.
Stordita d.o.c.
avatar

Femminile Messaggi : 2143
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 56
Località : pr. di milano
Umore Umore : felino, vulcanico

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Sab Mar 06, 2010 12:17 am

Citazione :
ha dovuto combattere contro un'apartheid non formale ,ma sostanziale.
Citazione :
ke vuol dire?

ho semplicemente kiesto, xkè effettivamento non sapevo ke intendesse....
al mi ha risposto così.....
Citazione :
Jul mi sembra che talvolta fai come il detto.....
fare il fesso per non andare in guerra

scusate se veramente ignoro una cosa xkè devo far finta di saperla????

Citazione :
Sborona?

sborone/a......ki si atteggia a ciò ke non è......lo squattrinato ke fa finta di essere straricco, ki va sempre in bianco e dice di essere un casanova, ke si vanta di sapere tutto, di fare meglio ogni cosa meglio degli altri....ma ke alla fine si rivela x quello ke è......non sa nulla e non sa fare nulla....tutto fumo e niente arrosto.

Citazione :
fessa da me significa figa....fai tu......

da me fessa non ha nulla a ke fare con quella parte anatomica....è semplicemente il femminile di fesso, come sciocca lo è di sciocco.
Tornare in alto Andare in basso
algiuga

avatar

Maschile Messaggi : 2566
Data d'iscrizione : 23.01.10
Età : 66
Località : Minturno
Umore Umore : gentile

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Sab Mar 06, 2010 7:20 pm

Jul ,te lo ripeto ,pubblicamente ,mi stai sull...ehm..... SIMPATICA ,mi piace duettare con te.

Il problema è che io NON CREDO che Tu sia ignorante,stupida o poco intelligente,e mi indispettisce il fatto che ogni tanto dici di esserlo....perchè lo fai ?
Tornare in alto Andare in basso
juliet
Stordita d.o.c.
Stordita d.o.c.
avatar

Femminile Messaggi : 2143
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 56
Località : pr. di milano
Umore Umore : felino, vulcanico

MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   Sab Mar 06, 2010 9:41 pm

Citazione :
Jul ,te lo ripeto ,pubblicamente ,mi stai sull....ehm

io al, non te lo possi dire ke mi stai sull......non vale


Citazione :
NON CREDO che Tu sia ignorante

mi indispettisce il fatto che ogni tanto dici di esserlo....perchè lo fai ?

semplicemente xkè non mi vergogno di ammetterlo.....


juliet I di wikimpedita







Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione   

Tornare in alto Andare in basso
 
La partita di rugby che ha fatto nascere una nazione
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Vai alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» Partita Egitto-Algeria per le qualificazioni ai mondiali: un caso diplomatico
» dichiarazioni di Mourinho post partita
» Che fine ha fatto baby Jane
» Milan - Barcellona 0-0: pagelle rossonere
» Che hai fatto avant'ieri

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Il vascello verde ramarro di Pigiama Party :: Ho cercato riposo da per tutto, e l'ho trovato solo in un cantuccio con un piccolo libro (S.F.di S.)-
Andare verso: