Il vascello verde ramarro di Pigiama Party

Benvenuto a casa nostra! Questo forum è un luogo
dove si respira aria di amicizia, di sensibilità, di ironia, di cultura .
Se pensi sia il luogo giusto per te, iscriviti e sarai un
nostro nuovo amico..



Il vascello verde ramarro di Pigiama Party


 
IndiceCalendarioFAQCercaGruppiRegistratiAccedi

Condividi | 
 

 Adriano Olivetti

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Remigio

avatar

Maschio Messaggi : 503
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 81
Località : Torino
Umore Umore : mutevole

MessaggioTitolo: Adriano Olivetti   Sab Lug 10, 2010 1:37 pm

Adriano Olivetti nasce a Ivrea l'11 aprile del 1901.
Il padre, Camillo, ingegnere eclettico e geniale, nel 1908 fonda a Ivrea "la prima fabbrica italiana di macchine per scrivere".

Adriano, negli anni della formazione, è molto attento al dibattito sociale e politico; frequenta ambienti liberali e riformisti, collabora alle riviste L'azione riformista e Tempi nuovi ed entra in contatto con Piero Gobetti e Carlo Rosselli.


Dopo essersi laureato in chimica industriale al Politecnico di Torino, nel 1924 inizia l'apprendistato nell'azienda paterna come operaio.
L'anno seguente, accompagnato da Domenico Burzio, compie un viaggio di studi negli Stati Uniti, dove visita un centinaio di fabbriche.
Al ritorno, propone un vasto programma di progetti e innovazioni per modernizzare l'attività della Olivetti: organizzazione decentrata del personale, direzione per funzioni, razionalizzazione dei tempi e metodi di montaggio, sviluppo della rete commerciale in Italia e all'estero, ecc.
In seguito avvia anche il progetto della prima macchina per scrivere portatile che uscirà nel 1932 con il nome di MP1.
Torna in alto Andare in basso
algiuga

avatar

Maschio Messaggi : 2566
Data d'iscrizione : 23.01.10
Età : 67
Località : Minturno
Umore Umore : gentile

MessaggioTitolo: Re: Adriano Olivetti   Sab Lug 10, 2010 9:44 pm

Forse uno dei pochi che gli operai non chiamavano padrone.
Torna in alto Andare in basso
Remigio

avatar

Maschio Messaggi : 503
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 81
Località : Torino
Umore Umore : mutevole

MessaggioTitolo: Re: Adriano Olivetti   Lun Lug 12, 2010 9:54 am

....
Leone fu arrestato in una tipografia clandestina. Avevamo quell'appartamento nei pressi di piazza Bologna; ed ero sola in casa con i miei bambini, e aspettavo, e le ore passavano; capii così a poco a poco, non vedendolo ritornare, che dovevano averlo arrestato. Passò quel giorno, e la notte; e la mattina dopo, venne da me Adriano, e mi disse di lasciare subito quell'alloggio, perchè Leone infatti era stato arrestato, e là poteva venire, da un momento all'altro, la polizia. M'aiutò a fare le valigie, a vestire i bambini; e scappammo via, e mi condusse da amici che acconsentivano ad ospitarmi.
Io ricorderò sempre, tutta la vita, il grande conforto che sentii nel vedermi davanti, quel mattino, la sua figura che mi era così familiare, che conoscevo dall'infanzia, dopo tante ore di solitudine e paura, ore in cui avevo pensato ai miei che erano lontani, al Nord, e che non sapevo se avrei mai riveduto; e ricorderò sempre la sua schiena china a raccogliere, per le stanze, i nostri indumenti sparsi, le scarpe dei bambini, con gesti di bontà umile, pietosa e paziente. E aveva, quando scapammo da quella casa, il viso di quella volta che era venuto da noi a prendere Turati, il viso trafelato, spaventato e felice di quando portava in salvo qualcuno.
.......

Da "Lessico famigliare" di Natalia Ginzburg, premio Strega 1963
Torna in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Adriano Olivetti   

Torna in alto Andare in basso
 
Adriano Olivetti
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» mi presento: Adriano

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Il vascello verde ramarro di Pigiama Party :: Le grandi figure del 'novecento-
Vai verso: