Il vascello verde ramarro di Pigiama Party

Benvenuto a casa nostra! Questo forum è un luogo
dove si respira aria di amicizia, di sensibilità, di ironia, di cultura .
Se pensi sia il luogo giusto per te, iscriviti e sarai un
nostro nuovo amico..



Il vascello verde ramarro di Pigiama Party


 
IndiceCalendarioFAQCercaGruppiRegistratiAccedi

Condividi | 
 

 * IO NON HO PAURA *

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Sorrisina

avatar

Femminile Messaggi : 250
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 46
Località : Cagliari
Umore Umore : Volubile

MessaggioTitolo: * IO NON HO PAURA *   Gio Set 23, 2010 4:14 pm

Io non ho paura è un film italiano del 2003, undicesimo lungometraggio diretto da Gabriele Salvatores. Tratto dal romanzo omonimo di Niccolò Ammaniti, che ne ha anche scritto la sceneggiatura insieme a Francesca Marciano, il film ha vinto un David di Donatello ed è stato candidato all'Oscar.

Benché gli eventi narrati nel romanzo avvengano in Puglia, il film è ambientato in un piccolo borgo rurale della Basilicata ed è stato girato a Foggiano, frazione di Melfi.

Questo film è riconosciuto come d'interesse culturale nazionale dalla Direzione Generale per il Cinema del Ministero per i Beni e le Attività Culturali italiano, in base alla delibera ministeriale del 4 febbraio 2003.




Michele, dieci anni, vive in un minuscolo borgo rurale della Basilicata, ad Acqua Traverse. Con la sorella più piccola e altri amici scorrazza in bicicletta nelle stradine in mezzo al grano. A casa ci sono la mamma ed il papà, che non è sempre presente a causa del suo mestiere (camionista). Giocando con gli amici nei pressi di una casa abbandonata, decidono chi deve fare la penitenza e toccherebbe a Michele, ma a votazione decidono che tocchi a una loro amica, Barbara. La penitenza è quella di calarsi le mutande davanti a questi ultimi. Però grazie all'intervento del ragazzo questa si salva e la penitenza la fa Michele. Michele successivamente scopre una lastra di lamiera e, incuriosito, la solleva e vede un buco, e in fondo un piede che esce da una coperta. Dopo lo spavento iniziale, nei giorni seguenti torna sul luogo e scopre che quel piede appartiene a un bambino come lui, biondo e delicato, quasi cieco per il buio, ridotto a una larva. Nelle successive visite gli porta da mangiare, gli parla, gli ridà una speranza. Una sera il telegiornale racconta la scomparsa di Filippo Carducci, rapito a Milano. Michele capisce che questo Filippo è proprio il bambino con cui ha fatto amicizia.

Arriva a casa un tale, Sergio (Diego Abatantuono), il "milanese" alla guida della banda di rapitori, la quale comprende alcuni uomini del villaggio, tra cui il padre di Michele. Col passare del tempo, il cerchio delle indagini si stringe e gli elicotteri della polizia cominciano a perlustrare l'area. Sopraggiunge il panico tra i rapitori, i quali decidono di sopprimere l'ostaggio. Michele corre per liberare Filippo: riesce a spingerlo fra i campi, cercando di farlo fuggire, ma Michele stesso rimane intrappolato. Nel frattempo sopraggiunge il padre che non esita a sparare al bambino, non accorgendosi che in realtà è suo figlio Michele. Gli elicotteri dei carabinieri illuminano il milanese con le braccia alzate, il padre col figlio ferito in braccio e il piccolo Filippo salvo a poca distanza.

Il film sfuma sulla toccante immagine di Michele, ferito ma sorridente, e l'ormai salvo Filippo, in procinto di darsi la mano.



Tornare in alto Andare in basso
lupa

avatar

Femminile Messaggi : 373
Data d'iscrizione : 16.03.10
Età : 30
Località : milano
Umore Umore : ....

MessaggioTitolo: Re: * IO NON HO PAURA *   Sab Set 25, 2010 11:54 am

l'ho visto e ho letto anche il libro, è molto commovente
Tornare in alto Andare in basso
 
* IO NON HO PAURA *
Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Il vascello verde ramarro di Pigiama Party :: Ciak si gira!-
Andare verso: