Il vascello verde ramarro di Pigiama Party

Benvenuto a casa nostra! Questo forum è un luogo
dove si respira aria di amicizia, di sensibilità, di ironia, di cultura .
Se pensi sia il luogo giusto per te, iscriviti e sarai un
nostro nuovo amico..



Il vascello verde ramarro di Pigiama Party


 
IndiceCalendarioFAQCercaGruppiRegistratiAccedi

Condividi | 
 

 AVATAR-OVVERO LA METAFORA

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Remigio

avatar

Maschile Messaggi : 503
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 80
Località : Torino
Umore Umore : mutevole

MessaggioTitolo: AVATAR-OVVERO LA METAFORA   Lun Gen 25, 2010 4:12 pm

AVATAR

OVVERO LA METAFORA



Il film Avatar è profondo perché è una metafora del contatto tra culture differenti. In questo caso la metafora si riferisce alla storia dei rapporti tra gli europei e i popoli indigeni delle Americhe.

Il film Avatar è sciocco perché vuole garantire un lieto fine, a scapito dell’intelligenza.

Il destino dei nativi americani è tragico. L’Europa si arricchì enormemente con i genocidi nelle Americhe e su quei genocidi furono fondate le nazioni di quel continente.

Nel 1492, in America vivevano circa cento milioni di nativi. Alla fine dell’ottocento erano stati quasi tutti sterminati. Molti morirono per le malattie portate dagli europei, ma l’estinzione di massa fu anche pianificata.

La carneficina cominciò con Colombo che massacrò brutalmente gli indigeni di Hispaniola ( l’isola oggi divisa tra Haiti e Repubblica Dominicana). Nel 1535 la popolazione nativa di Hispaniola era ridotta a zero.

Agli spagnoli conveniva ammazzare di lavoro gli indigeni e sostituirli più che mantenerli vivi: l’aspettativa di vita nelle miniere e nelle piantagioni era dai tre ai quattro mesi.

In California, nel settecento, il francescano Junipero Serra allestì una serie di missioni: in realtà erano campi di concentramento che usavano la manodopera degli schiavi. Morivano di fatica, fame e malattie a ritmi incredibili, ed erano continuamente sostituiti, annientando così le popolazioni indigene.

Junipero Serra, l’Eichmann della California fu beatificato dal Vaticano nel 1988. Ora basterà un altro miracolo perché sia nominato santo.

Gli spagnoli erano guidati dalla brama dell’oro.

I britannici volevano la terra

Gorge Washington ordinò la distruzione totale delle case e delle terre degli irochesi.

Thomas Jefferson dichiarò che la guerra contro gli indigeni doveva continuare finché ogni tribù fosse stata” sterminata o cacciata oltre il Mississippi

Theodore Rooselvet definì il massacro di Sand Creek del 1864, dove vennero uccisi indigeni disarmati, donne e bambini, protetti dalla bandiera di pace, “ un atto giusto e utile come ogno cosa avvenuta alla frontiera”

Tutto questo disgusta e fa riflettere: se i nazisti avessero vinto la guerra, lOlocausto sarebbe stato negato, giustificato o minimizzato allo stesso modo con cui oggi si fa con la cosiddetta “civilizzazione delle Americhe”
Tornare in alto Andare in basso
juliet
Stordita d.o.c.
Stordita d.o.c.
avatar

Femminile Messaggi : 2143
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 57
Località : pr. di milano
Umore Umore : felino, vulcanico

MessaggioTitolo: Re: AVATAR-OVVERO LA METAFORA   Lun Gen 25, 2010 8:28 pm

fiume sand creek.....fabrizio de andrè


Si son presi il nostro cuore sotto una coperta scura
sotto una luna morta piccola dormivamo senza paura
fu un generale di vent'anni
occhi turchini e giacca uguale
fu un generale di vent'anni
figlio d'un temporale

c'è un dollaro d'argento sul fondo del Sand Creek.

I nostri guerrieri troppo lontani sulla pista del bisonte
e quella musica distante diventò sempre più forte
chiusi gli occhi per tre volte
mi ritrovai ancora lì
chiesi a mio nonno è solo un sogno
mio nonno disse sì

a volte i pesci cantano sul fondo del Sand Creek

Sognai talmente forte che mi uscì il sangue dal naso
il lampo in un orecchio nell'altro il paradiso
le lacrime più piccole
le lacrime più grosse
quando l'albero della neve
fiorì di stelle rosse

ora i bambini dormono nel letto del Sand Creek

Quando il sole alzò la testa tra le spalle della notte
c'erano solo cani e fumo e tende capovolte
tirai una freccia in cielo
per farlo respirare
tirai una freccia al vento
per farlo sanguinare

la terza freccia cercala sul fondo del Sand Creek

Si son presi il nostro cuore sotto una coperta scura
sotto una luna morta piccola dormivamo senza paura
fu un generale di vent'anni
occhi turchini e giacca uguale
fu un generale di vent'anni
figlio d'un temporale

ora i bambini dormono sul fondo del Sand Creek


Tornare in alto Andare in basso
 
AVATAR-OVVERO LA METAFORA
Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» L'Avatar nel Web - indagine
» Nuovo Avatar Predefinito
» AVATAR NEYTIRI STATUE
» Psicologia degli avatar: la scelta dell'avatar , il cambio dell'avatar e l'avatar nella comunicazione
» Psicologia degli Avatar

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Il vascello verde ramarro di Pigiama Party :: Ciak si gira!-
Andare verso: