Il vascello verde ramarro di Pigiama Party

Benvenuto a casa nostra! Questo forum è un luogo
dove si respira aria di amicizia, di sensibilità, di ironia, di cultura .
Se pensi sia il luogo giusto per te, iscriviti e sarai un
nostro nuovo amico..



Il vascello verde ramarro di Pigiama Party


 
IndiceCalendarioFAQCercaGruppiRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 Storia della pastiera napoletana

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Danae
Admin
Admin
avatar

Femminile Messaggi : 2134
Data d'iscrizione : 18.01.10
Età : 57
Località : Caserta
Umore Umore : tiepido

MessaggioTitolo: Storia della pastiera napoletana   Ven Apr 22, 2011 7:15 pm

La Pastiera è un dolce che difficilmente manca sulle tavole dei napoletani a Pasqua e rappresenta il simbolo della primavera con i suoi due ingredienti che la rendono inconfondibile: l’acqua di fiori d’arancio e il grano cotto.
Legate a questo dolce partenopeo, ci sono una miriade di tradizioni e racconti che rendono la storia della Pastiera, assolutamente affascinante ed interessante.

Le sue origini, seppure in forma assai “rudimentale”, sono da ricercarsi sicuramente in ambito pagano quando le sacerdotesse di Cerere, per festeggiare il ritorno della primavera, portavano in processione l’uovo, simbolo di vita nascente.

Secondo un’altra ipotesi la Pastiera deriverebbe dalle focacce rituali che si diffusero all’epoca di Costantino il Grande, ricavate dall’offerta di latte e miele che i catecumeni ricevevano nella sacra notte di Pasqua al termine della cerimonia battesimale.
Invece, pare che la Pastiera come la conosciamo noi oggi, sia stata “inventata” nella pace e tranquillità di un monastero del napoletano.

Sembra che una suora volle che in quel dolce, simbolo della Resurrezione, fossero mescolati il profumo dei fiori dell’arancio del giardino conventuale, la bianca ricotta, una manciata di grano, le uova, simbolo di nuova vita, l’acqua di mille fiori odorosa come la prima vera, il cedro e le aromatiche spezie venute dall’Asia.

A testimonianza della veridicità di questa storia c’è il dato di fatto che le suore del convento di San Gregorio Armeno, erano reputate maestre nella complessa preparazione della pastiera, e nel periodo pasquale ne confezionavano un gran numero per le mense delle dimore patrizie e della ricca borghesia.
Ancora più suggestiva ed affascinante è, però, la fantastica storia della sirena Partenope che è mitologicamente legata alla storia del buonissimo dolce napoletano.


Pare che la bella Partenope, incantata dalla bellezza del golfo, disteso tra Posillipo ed il Vesuvio, avesse fissato lì la sua dimora allietando, ad ogni primavera, gli abitanti con i suoi meravigliosi canti d’amore.
Un giorno, però, la sua voce fu così melodiosa e soave che tutti gli abitanti ne rimasero affascinati e incantati accorsero verso il mare portando in dono alla sirena quanto di più prezioso avessero, per ringraziarla del suo meraviglioso canto.

Le sette più belle fanciulle dei villaggi furono incaricate di consegnare i doni alla bella Partenope: la farina, forza e ricchezza della campagna, la ricotta, omaggio di pastori e pecorelle, le uova, simbolo della vita, il grano tenero, bollito nel latte a prova dei due regni della natura, l’acqua di fiori d’arancio, perché anche i profumi della terra volevano rendere omaggio, le spezie, in rappresentanza dei popoli più lontani del mondo ed infine lo zucchero, per esprimere la dolcezza profusa dal canto di Partenope in cielo, in terra, ed in tutto l’universo.


Partenope, felice dei molti deliziosi doni, fece ritorno alla sua dimora e depose le offerte ai piedi degli Dei che, inebriati dalla moltitudine di profumi ed aromi, decisero di mescolare tra loro i vari ingredienti per creare un dolce che potesse eguagliare la beltà del canto di Partenope: e così nacque la Pastiera.

Dalla sua scoperta, fino ai giorni nostri, questo delicato e saporitissimo dolce, è un po’ la bandiera della pasticceria Napoletana in tutto il mondo e fin dall’antichità è stato apprezzato non solo dal popolo, ma anche da personalità e personaggi importanti come re e regine.
Ed è proprio ad una regina di Napoli che è legata un curioso aneddoto sulla Pastiera.
Si narra che Maria Teresa D’Austria, consorte del re Ferdinando II° di Borbone, soprannominata dai soldati “la Regina che non sorride mai”, cedendo alle insistenze del marito, famoso per la sua ghiottoneria, decise di assaggiare un pezzetto di Pastiera.

Pare che, dopo averne assaggiato solo un pezzetto, l’imperscrutabile regina, non poté far a meno di sorridere, compiaciuta dalla canzonatura del Re che sottolineava la sua evidente soddisfazione nel gustare la specialità napoletana.
A questo punto, pare che il Re avesse esclamato: “Per far sorridere mia moglie ci voleva la Pastiera, ora dovrò aspettare la prossima Pasqua per vederla sorridere di nuovo”.
Se la fantastica storia della Pastiera Napoletana vi ha affascinati e volete cimentarvi nella preparazione di questo buonissimo dolce, la ricetta la trovate qui:

http://www.quicampania.it/pasticceria/pastiera.html




.



Chi ama per gioco se ne pentirà quando per gioco sarà amato (J.Morrison)



Si sbaglia sempre..Si sbaglia per rabbia, per amore, per gelosia..Si sbaglia per imparare.
Imparare a non ripetere mai certi sbagli. Si sbaglia per poter chiedere scusa, per poter ammettere di aver sbagliato. Si sbaglia per crescere e per maturare. Si sbaglia perchè non si è perfetti..(Bob Marley)



.






.
Tornare in alto Andare in basso
http://ilvascello.forumattivo.com
Enim
MM
MM
avatar

Maschile Messaggi : 1143
Data d'iscrizione : 19.01.10
Età : 57
Località : prov. di Napoli
Umore Umore : ..............

MessaggioTitolo: Re: Storia della pastiera napoletana   Ven Apr 22, 2011 11:25 pm

storia ed aneddoti sicuramente affascinanti........ però, io, più che "cimentarmi nella preparazione" della pastiera (che comunque potrei tranquillamente fare per conoscenza ereditaria della tecnica preparatoria .. ) preferisco "sorridere" come la Regina Maria Teresa... Very Happy Very Happy Very Happy

p.s.: nella zona del vesuviano preparano anche la variante della pastiera "con i tagliolini"; in quest'ultima i tagliolini (o anche le fettuccine) vanno a sostituire il grano... per il resto è uguale a quella tradizionale.... (l'ho assaggiata e... non mi piace....).


Enim
Tornare in alto Andare in basso
Danae
Admin
Admin
avatar

Femminile Messaggi : 2134
Data d'iscrizione : 18.01.10
Età : 57
Località : Caserta
Umore Umore : tiepido

MessaggioTitolo: Re: Storia della pastiera napoletana   Ven Apr 22, 2011 11:44 pm

Anch'io l'ho assaggiata ..credo sia una tradizione del lunedì in albis ma quella che ho mangiato io era..rustica.


.



Chi ama per gioco se ne pentirà quando per gioco sarà amato (J.Morrison)



Si sbaglia sempre..Si sbaglia per rabbia, per amore, per gelosia..Si sbaglia per imparare.
Imparare a non ripetere mai certi sbagli. Si sbaglia per poter chiedere scusa, per poter ammettere di aver sbagliato. Si sbaglia per crescere e per maturare. Si sbaglia perchè non si è perfetti..(Bob Marley)



.






.
Tornare in alto Andare in basso
http://ilvascello.forumattivo.com
Danae
Admin
Admin
avatar

Femminile Messaggi : 2134
Data d'iscrizione : 18.01.10
Età : 57
Località : Caserta
Umore Umore : tiepido

MessaggioTitolo: Re: Storia della pastiera napoletana   Ven Apr 22, 2011 11:46 pm

hai ragione.....la fanno dolce:

La pastiera di tagliolini e' tradizionale dei paesi Vesuviani
Per la Pastafrolla:
- 1 kg di farina
- gr 300 di zucchero
- 1 limone grattugiato
- una punta di bicarbonato
- 1 bustina di vanillina
- 6 uova intere

Per il ripieno
- 300 gr di tagliolini sottilissimi
- 300 gr di zucchero
- 500 gr di latte
- 4 uova
- scorzette d’arancia e cedro
- cannella
- vaniglia
- qualche chiodo di garofano
- acqua di millefiori
- Limoncello


Esecuzione:

Pastafrolla:
Lavorare tutti gli ingredienti per una mezzoretta circa ricavarne un bel disco di pasta sistemarlo su di un piatto, coprirlo con un altro piatto e metterlo in frigorifero.

Ripieno:
I tagliolini li immergerete per pochi minuti in acqua leggermente salata, li scolate e li versate nel latte dove precedentemente avete sciolto lo zucchero.

Fateli raffreddare mescolando di tanto in tanto, quando la pasta avra’ assorbito interamente il latte aggiungete le uova, i canditi ed il resto degli aromi.

Rivestite una teglia di pastafrolla e versatevi all’interno il composto, decorate la pastiera con le famose strisce di pastafrolla e cuocete a forno caldo a 170 gradi per circa un’ora.
Cospargetela di zucchero e servitela calda.



.



Chi ama per gioco se ne pentirà quando per gioco sarà amato (J.Morrison)



Si sbaglia sempre..Si sbaglia per rabbia, per amore, per gelosia..Si sbaglia per imparare.
Imparare a non ripetere mai certi sbagli. Si sbaglia per poter chiedere scusa, per poter ammettere di aver sbagliato. Si sbaglia per crescere e per maturare. Si sbaglia perchè non si è perfetti..(Bob Marley)



.






.
Tornare in alto Andare in basso
http://ilvascello.forumattivo.com
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Storia della pastiera napoletana   

Tornare in alto Andare in basso
 
Storia della pastiera napoletana
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Le Origini della Mafia tra Storia e Leggenda
» [STORIA DISNEY] La nascita della magia
» Storia della tortura: riflessioni sul rapporto tra dolore, potere e rispetto del potere
» Motonave Viminale 1925 – 1943
» Il simbolo indissolubile dei pirati: IL JOLLY ROGER

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Il vascello verde ramarro di Pigiama Party :: Nutella e non solo.-
Andare verso: